Collaborazione con le fabbriche

Patagonia si impegna in una serie di attività di investigazione e approfondimento per promuovere e sostenere pratiche di lavoro eque, condizioni di lavoro sicure e responsabilità ambientale nelle fabbriche di prodotti finiti, nelle aziende agricole e nelle fabbriche. Il nostro programma di monitoraggio dei fornitori di Tier 1 (di primo livello) include tutte le fabbriche di cucito e i loro subappaltatori (ad es. fabbriche di serigrafia, impianti di lavaggio e ricami).

Queste sono alcune delle attività e degli strumenti chiave che utilizziamo:


Codice di Condotta dei fornitori sul luogo di lavoro

  • Il punto di riferimento del nostro programma di Responsabilità ambientale e sociale è il nostro Codice di condotta sul luogo di lavoro dei fornitori e i relativi documenti di benchmark. Il nostro codice si basa sulle norme del lavoro fondamentali descritte dall'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) e richiede il rispetto di tutte le leggi in ciascuno dei Paesi in cui operano le nostre fabbriche.

  • Abbiamo sviluppato questo documento per chiarire quali sono le nostre aspettative alle fabbriche che realizzano i nostri prodotti. Patagonia non possiede fabbriche; tuttavia, lavoriamo in stretta collaborazione con fabbriche che hanno la nostra stessa mentalità e condividono la nostra filosofia. Noi di Patagonia ci impegniamo continuamente per "condurre una vita attenta" e migliorare le condizioni sociali e ambientali. Incoraggiamo le fabbriche che realizzano i nostri prodotti a fare lo stesso.

  • Il nostro Codice di condotta si applica a tutti i livelli della nostra catena di approvvigionamento, dalla fattoria alla fabbrica di abbigliamento, compresi tutti i subappaltatori e subfornitori. Descrive le nostre politiche sui seguenti argomenti:

    • Conformità a leggi e codici
    • Lavoro minorile
    • Lavoro forzato
    • Molestie, abusi e pratiche disciplinari
    • Discriminazione
    • Libertà di associazione e contrattazione collettiva
    • Relazione di lavoro
    • Salari e benefit
    • Salari per gli straordinari
    • Ore di lavoro
    • Salute e sicurezza
    • Ambiente
    • Comunità
    • Subappalto
    • Benessere degli animali
    • Tracciabilità
    • Comunicazione del codice
    • Qualità

Fair Labor Association (FLA)

  • Patagonia è un membro attivo della Fair Labor Association® (FLA®). Essere membri accreditati FLA™ offre ai nostri clienti maggiori garanzie in termini di sicurezza e trasparenza e ci consente di valutare in modo obiettivo ciò che stiamo facendo bene e ciò che invece dobbiamo migliorare.

  • Essere membri accreditati della Fair Labor Association è il fulcro del nostro programma di responsabilità sociale. In conformità ai requisiti di adesione, la FLA effettua una verifica in modo casuale su un campione della nostra catena di approvvigionamento per valutare la qualità del nostro programma di monitoraggio delle fabbriche, aiutandoci a identificare opportunità di miglioramento. I risultati degli audit condotti dalla FLA, accessibili liberamente e gratuitamente, vengono pubblicati sul sito Web dell'Associazione.

  • Come ulteriore misura di responsabilità e trasparenza nei confronti del pubblico, la FLA verifica anche il nostro programma di responsabilità sociale e ambientale (SER) presso la nostra sede di Ventura, in California. In questo processo dobbiamo dimostrare che teniamo sotto osservazione e segnaliamo ogni anno la nostra conformità ai Principi del lavoro equo e dell'approvvigionamento responsabile dell'FLA. In occasione degli audit in loco del nostro programma di responsabilità socio-ambientale (SER), gli ispettori dell'FLA analizzano la documentazione relativa alle nostre fabbriche, i rapporti di audit, i piani di azioni correttive, i corsi di formazione interni e presso le fabbriche, l'analisi dei dati e le attività con le ONG. La nostra affiliazione viene riconfermata ogni tre anni e i rapporti completi vengono pubblicati sul sito Web dell'FLA per essere consultati dal pubblico.

Approccio "in 4 fasi" di Patagonia alle decisioni sulla catena di approvvigionamento

  • Dalla metà degli anni 2000, Patagonia ha implementato un sistema di pre-screening delle fabbriche prima di effettuare ordini. Questo è il nostro "approccio in 4 fasi". Questo processo include lo screening di potenziali nuovi fornitori per attestare la loro capacità di soddisfare i nostri standard di (1) approvvigionamento, (2) di qualità, (3) sociali e (4) ambientali. Il team SER della catena di approvvigionamento lavora a stretto contatto con i nostri dipartimenti di fornitura e qualità nel decidere se effettuare o meno un ordine presso una nuova fabbrica. Inoltre, collabora con questi dipartimenti per prendere decisioni sull'approvvigionamento che riguardano le fabbriche di cui attualmente ci avvaliamo. Come i team di approvvigionamento e qualità, anche il team SER della catena di approvvigionamento ha pieno potere di veto quando si tratta di avviare una collaborazione con una nuova fabbrica. Si tratta di un processo efficace che elimina quei fornitori che non sono in grado di soddisfare il nostro rigoroso set di standard in "4 fasi". Il nostro approccio di screening in 4 fasi è applicato a tutte le fabbriche di prodotti finiti e per i loro subappaltatori. Nel 2011 abbiamo introdotto lo stesso processo per i nostri fornitori di materie prime per i tessuti e finiture (Tier 2). Il "team delle 4 fasi" si riunisce ogni settimana per prendere decisioni sulla catena di approvvigionamento.

Monitoraggio di fabbriche, aziende e fattorie

  • Lo staff SER controlla tutte le nuove fabbriche al fine di verificare: conformità sociale e ambientale con le leggi locali e i contratti sindacali (dove applicabile), il Codice di condotta sul luogo di lavoro dei fornitori Patagonia e il documento sui benchmark in modo più dettagliato possibile. Laddove gli standard variano, adottiamo lo standard più vantaggioso per i nostri collaboratori. Valutiamo anche i sistemi di gestione SER della fabbrica e formiamo i dirigenti delle fabbriche sul nostro Codice di condotta e altri requisiti del programma.

  • Le attività di pre-screening vengono eseguite dal personale della SER o da una rinomata società di monitoraggio di terze parti. Questo passaggio prevede la compilazione dei nostri questionari e la conduzione di un audit sociale completo, comprese l'analisi delle buste paga e i colloqui con i lavoratori nella lingua locale.

  • Il nostro programma di monitoraggio è stato verificato e approvato dall'FLA nell'ambito del nostro processo di accreditamento. Il personale SER dedicato visita le nostre fabbriche regolarmente per valutarne la conformità con il nostro Benchmark del Codice di Condotta, con le leggi locali e gli accordi di contrattazione collettiva, se vi è questa possibilità. Inoltre, il team monitora le azioni correttive derivanti dagli audit precedenti ed esegue sessioni di consolidamento delle capacità e/o visite di azioni correttive per affrontare le preoccupazioni specifiche della SER.

  • Teniamo sotto stretto controllo le retribuzioni minime e le tariffe salariali prevalenti corrisposte dalle nostre aziende partner in tutto il mondo e, nella negoziazione dei costi con ciascuna fabbrica, ci impegniamo sempre affinché i lavoratori che realizzano i capi Patagonia percepiscano un salario equo o almeno un salario minimo. Abbiamo scoperto che molte delle nostre fabbriche riconoscono retribuzioni superiori alle minime ad alcuni o tutti i loro lavoratori. Ci impegniamo a garantire un salario equo a tutti i lavoratori che realizzano i prodotti Patagonia. A questo fine, abbiamo implementato un programma Fair Trade Certified™, che rappresenta un altro passo in avanti verso il nostro obiettivo di garantire il salario minimo nelle nostre fabbriche.

  • Controlliamo il 100% delle nostre fabbriche che producono prodotti finiti (Tier 1 della catena di approvvigionamento) per ragioni sociali e ambientali. Ciò include la maggior parte dei subappaltatori delle nostre strutture primarie di taglio e cucitura. Oppure, conduciamo noi stessi un audit sociale, assumiamo una società di monitoraggio di terze parti o – per ridurre il numero di ispezioni condotte nelle fabbriche — conduciamo verifiche insieme ad altri marchi o ci procuriamo rapporti di audit recenti da una fonte affidabile nel database di Fair Factories Clearinghouse (vedi sotto) o dalla fabbrica stessa. Patagonia si assume i costi di tutti gli audit sociali che programmiamo direttamente.

  • Inoltre, monitoriamo i nostri più grandi fornitori di materie prime (Tier 2 della catena di approvvigionamento) e mettiamo in atto un processo di audit e azioni correttive in queste strutture simile a quello che usiamo nelle fabbriche di Tier 1. (Consulta la nostra pagina Lavorare con le aziende per maggiori informazioni)

  • Il nostro Chemical and Environmental Impacts Program (CEIP) regola il nostro programma di audit ambientale. Abbiamo sviluppato il nostro programma sugli impatti chimici e ambientali per gestire l'uso di prodotti chimici e gli impatti ambientali nella nostra catena di approvvigionamento globale. Il programma copre le seguenti aree: agenti chimici, rifiuti, utilizzo di risorse idriche ed energetiche, produzione di gas effetto serra e di altre eventuali emissioni rilasciate nell'atmosfera. Il programma richiede che le operazioni di produzione siano conformi alla più rigorosa legislazione internazionale sui prodotti di consumo, nonché alle leggi locali. Inoltre, ci aiuta a individuare i fornitori che applicano le migliori pratiche come partner più ecologicamente responsabili della catena di approvvigionamento. Il nostro Chemical and Environmental Impacts Program utilizza gli strumenti più recenti del settore, inclusi il modulo Facility Environmental e il modulo Chemicals Management dell'Indice Higg®. Ciò ci consente di sfruttare il lavoro svolto in gruppi collaborativi, come la Sustainable Apparel Coalition e il gruppo di lavoro sulla gestione delle sostanze chimiche dell'Outdoor Industry Association.

  • Patagonia utilizza materiali eco-friendly quando possibile. Questi includono materiali prodotti da aziende agricole, come cotone organico, piuma tracciabile, Tencell® lyocell, canapa e gomma naturale. Stiamo iniziando a mappare le catene di approvvigionamento a livello delle aziende agricole e, quando possibile, facciamo affidamento su certificazioni come NSF Traceable Down Standard, GOTS, Organic Content Standard e Fair Trade per garantire che le aziende agricole che utilizziamo soddisfino i nostri standard.

  • Tutti i risultati di audit non soddisfacenti devono essere corretti in modo tempestivo. Quando un audit rivela problemi che richiedono un'analisi approfondita, il nostro personale sul campo SER (o un consulente esperto locale) individua la causa principale del problema e quindi decide se lavorare a lungo termine con la fabbrica per risolverlo . La risoluzione dei problemi sistemici può richiedere tempo, risorse e monitoraggio continuo.

  • Consideriamo le azioni correttive sostenibili come il risultato più prezioso dei nostri sforzi di monitoraggio. Per questo motivo, dedichiamo la maggior parte del nostro tempo ad aiutare le fabbriche a identificare e implementare soluzioni di impatto per le loro maggiori sfide. Richiediamo spesso alle fabbriche di partecipare a programmi specifici di formazione, istruzione o miglioramento continuo, che Patagonia aiuta a pagare parzialmente o totalmente.

  • Siamo orgogliosi di lavorare con alcuni dei fornitori più socialmente ed ecologicamente responsabili al mondo. Riconosciamo l'alto livello di prestazioni di queste fabbriche e le inseriamo in una categoria speciale in base alla quale gestiscono i loro programmi di monitoraggio. Incontriamo regolarmente questi fornitori per ricevere aggiornamenti e condividere le migliori pratiche e idee per far avanzare ulteriormente i nostri sforzi comuni.

  • Lo staff SER valuta le fabbriche in base alle loro prestazioni, il che aiuta noi e loro a capire a che punto sono nel loro percorso verso la responsabilità aziendale. Il nostro sistema di punteggio interno valuta il rischio e il livello di impegno di SER che contraddistingue la fabbrica. Ci stiamo anche impegnando a utilizzare l'Indice Higg® della Sustainable Apparel Coalition nell'ambito della nostra valutazione delle prestazioni delle fabbriche. Il nostro sistema di punteggio e feedback regolare educa i fornitori, stabilendo al contempo le aspettative del marchio per un miglioramento continuo e a lungo termine delle prestazioni sociali e ambientali.

  • Operiamo con la dovuta diligenza per prevenire la tratta di esseri umani e le problematiche del lavoro dei migranti all'interno della nostra catena di approvvigionamento. La nostra informativa sul California Transparency in Supply Chains Act (SB657) parla di come monitoriamo le nostre fabbriche per contrastare tutte le forme di lavoro forzato, compresi il traffico di esseri umani e la schiavitù. Stiamo lavorando attivamente per prevenire ed eliminare qualsiasi caso di tratta di esseri umani nella nostra catena di approvvigionamento di livello 2 e abbiamo sviluppato standard globali per l'occupazione dei lavoratori migranti e fissato scadenze per le azioni correttive con i nostri fornitori.

  • Abbiamo una politica di interruzione responsabile approvata dalla FLA che richiede ai nostri team SER, di approvvigionamento e di qualità di ridurre al minimo gli impatti sui lavoratori quando si termina la collaborazione con una fabbrica. Sebbene favoriamo le relazioni a lungo termine con le nostre fabbriche, qualora dovesse sorgere la necessità di terminare la collaborazione con un fornitore, i nostri team lavorano insieme per fornire un preavviso sufficiente, tale da non avere un impatto negativo sulla forza lavoro impiegata dalla fabbrica.

Programma di pratiche di acquisto responsabile

  • Il nostro programma di pratiche di acquisto responsabile ci guida nel prendere decisioni di business che riducono al minimo gli impatti negativi sui lavoratori nella nostra catena di approvvigionamento. Queste includono astenersi da azioni dirompenti, come effettuare un ordine e poi cambiarlo radicalmente; negoziazione di prezzi irragionevolmente bassi; richiedere tempi di consegna brevi; effettuare consegne in ritardo del tessuto e modifiche dell'ultimo minuto al design. Queste azioni possono comportare ore di lavoro straordinario eccessive per i lavoratori (oltre a quanto consentito dal nostro Codice di condotta o dalle leggi locali), nonché licenziamenti, buste paga false e/o mancato pagamento dei salari legali. Abbiamo iniziato a implementare controlli sulle nostre decisioni di approvvigionamento in via informale negli anni '90. Quindi, nel 2011, abbiamo iniziato a sviluppare un programma formale di pratiche di acquisto responsabile, come indicato nei Principi dell'FLA sul lavoro equo e sull'approvvigionamento responsabile (Principio 8). Dobbiamo soddisfare cinque requisiti principali e abbiamo procedure in atto con il nostro team di approvvigionamento e SER per farlo. Ci impegniamo a migliorare continuamente il nostro programma e lo abbiamo esteso oltre il nostro dipartimento di approvvigionamento per includere i nostri team di pianificazione e previsione delle forniture.

Iniziative che coinvolgono più stakeholder

  • Siamo un membro attivo e pienamente accreditato della Fair Labor Association®.

  • Partecipiamo al programma di lavoro migliore dell'Organizzazione internazionale del lavoro in Vietnam e Giordania.

  • Partecipiamo inoltre ad attività che coinvolgono più stakeholder, ove possibile. I progetti passati includono FLA 3.0 e JO-IN.

  • Siamo membri del Fair Factories Clearinghouse (FFC), da cui otteniamo e forniamo ad altri marchi risultati di audit di terze parti condotti sui nostri stabilimenti. Collaboriamo inoltre regolarmente con diversi marchi agli audit di fabbriche e ad altri compiti speciali.

  • Una parte delle nostre fabbriche di prodotti finiti è Fair Trade Certified™. Fair Trade USA controlla queste fabbriche, istituisce un comitato di gestione dei lavoratori e monitora il premio che paghiamo direttamente ai lavoratori attraverso un conto bancario controllato dai lavoratori. Gli extra che paghiamo sono stabiliti da Fair Trade USA, che basa il suo calcolo su ciò che la fabbrica paga ai suoi lavoratori e su ciò che viene considerato un salario di sussistenza nella zona. I lavoratori possono utilizzare i soldi ricevuti per aumentare il proprio tenore di vita, incluso, se lo desiderano, un bonus in denaro che consente loro di ricevere un salario di sussistenza.

  • Patagonia è membro dell'Outdoor Industry Association (OIA) ed agisce in qualità di presidente della Task Force Education del gruppo di lavoro sulla responsabilità sociale.

Trasparenza

  • The Footprint Chronicles® traccia gli impatti socio-ambientali dei nostri prodotti e processi.

  • Pubblichiamo un elenco completo delle fabbriche di prodotti finiti sul nostro sito Web.

  • Pubblichiamo il nostro Codice di condotta, i Benchmark del Codice di Condotta e gli standard di impiego del lavoro dei migranti sul nostro sito Web.

  • Il nostro blog, "The Cleanest Line®" mantiene i nostri clienti, e non solo, aggiornati sulle problematiche attuali nella responsabilità sociale e ambientale della catena di approvvigionamento.

  • Il nostro sito di e-commerce elenca gli attributi sociali e ambientali dei nostri prodotti, inclusi i nomi e il luogo in cui si trovano le fabbriche.

  • Abbiamo pagine Web speciali per i nostri programmi Fair Trade, California Transparency e di Piuma tracciabile (benessere degli animali).

  • Ogni anno il personale SER e non SER di Patagonia trascorre centinaia di ore a condividere il nostro lavoro con altri marchi, ONG, professori universitari, studenti e clienti attraverso conferenze, telefonate, gruppi di lavoro del settore, corsi di formazione e tramite altri mezzi. Sosteniamo con entusiasmo l'apprendimento dei nostri stakeholder e lavoriamo per influenzare gli altri a iniziare o proseguire il cammino verso una migliore responsabilità sociale e tutela dell'ambiente.

Ricerche popolari