Passa al contenuto principale

Laxaþjóð | A Salmon Nation

Il nostro rapporto con la natura non solo definisce la nostra storia, ma plasma anche il nostro futuro. Eppure, un metodo di allevamento ittico industriale praticato nelle acque dei fiordi islandesi, rischia di distruggere una delle ultime aree selvagge rimaste in Europa. Laxaþjóð | A Salmon Nation racconta la storia di un Paese unito dalle sue terre e dalle sue acque e rende omaggio alla forza di una comunità fermamente intenzionata a proteggere i luoghi e gli animali selvatici che hanno contribuito a forgiarne l'identità.

Scopri di più

Informazioni sulla spedizione

Facciamo del nostro meglio per elaborare e spedire gli ordini entro 1-2 giorni lavorativi (dal lunedì al venerdì, esclusi i giorni festivi). Ti chiediamo gentilmente di scegliere la spedizione standard ove possibile per ridurre il nostro impatto ambientale. Se hai domande sul tuo ordine, contatta il nostro team di assistenza clienti che sarà pronto ad assisterti.

Ulteriori dettagli

Resi

Non sei sicuro della taglia giusta? Il nostro customer service è qui per aiutarti. Meno spedizioni, meglio è. Non abbiamo determinato un limite di tempo per i resi e accettiamo anche capi di collezioni passate.

Come funzionano i resi Inizia il tuo reso Servizio clienti

Iscriviti

Registrati per ricevere informazioni sui prodotti, storie, iniziative dei gruppi attivisti, aggiornamenti sugli eventi e altro ancora.

Episode 5: The Art of Activism

Il pescatore italiano Paolo Fanciulli ha fatto l'impossibile per impedire ai pescherecci illegali di danneggiare il suo amato ecosistema mediterraneo, ma niente ha funzionato. Così ha escogitato un piano per posizionare sculture di marmo da 10 tonnellate sul fondo dell'oceano.

2022 / 9 Min

Il pescatore italiano Paolo Fanciulli ha fatto l’impossibile per impedire ai pescherecci illegali di danneggiare il suo amato ecosistema mediterraneo. Ha portato avanti proteste, atti di sabotaggio e ha persino vestito i panni di un poliziotto, ma niente ha funzionato. Così ha escogitato un piano per posizionare sculture di marmo da 10 tonnellate sul fondo dell’oceano. In questo modo, si è unito all’orgogliosa tradizione dell’arte eco-attivista volta non solo a sensibilizzare, ma anche ad agire. Ora, oltre 10 anni dopo, il museo sottomarino di Paolo ha contribuito a fermare la pesca distruttiva nella zona e ha mostrato quanto velocemente il mare possa guarire.


Scopri le altre storie della serie “Working Knowledge“.

Ricerche popolari